FAQ – Domande ricorrenti

Domande nel contesto del CCL

Quali sono i diversi interessi e i comuni obiettivi?

Dipendenti

  • Buone condizioni di assunzione
  • Sicurezza del posto di lavoro
  • Partecipazione ai profitti economici

Imprese

  • Capacità concorrenziale
  • Costi di produzione bassi
  • Grossi ricavi

Chi rappresenta i miei interessi nell'azienda?

Richieste ed interessi dei/delle dipendenti vengono tutelati dalla rappresentanza del personale.

La rappresentanza del personale è eletta dai dipendenti. Nelle grandi aziende è possibile formare una rappresentanza del personale per ogni singolo campo di attività.

La rappresentanza del personale tutela gli interessi dei/delle dipendenti verso la direzione e le associazioni. Il CCL regolamenta l'intervento delle parti contraenti.

Come posso avere voce in capitolo?

In ogni impresa che sottostà al CCL possono essere formate rappresentanze del personale e i diritti per esse sono sanciti nel CCL. Tali rappresentanze insieme con la direzione si occupano di trovare soluzioni ai problemi esistenti.

Chi risponde alle questioni interaziendali?

Questioni e problemi che riguardano l'intero settore, sono trattati dalle associazioni (ad esempio la durata del lavoro, le vacanze).

Le parti contraenti curano una buona collaborazione e costituiscono, per determinate questioni, anche gruppi di lavoro comuni (ad esempio per il perfezionamento professionale, la parità, la sicurezza del lavoro).

I problemi d'attualità vengono discussi durante i contatti quotidiani tra le associazioni.

Quali sono i benefici del CCL?

Con il CCL:

  • Pace del lavoro
  • Uguale salario per un lavoro di uguale valore
  • Condizioni di lavoro negoziate tra le parti sociali.
  • Parificazione tra dipendenti a tempo parziale e gli/le altri/e collaboratori/trici
  • Promozione del perfezionamento e del reinserimento professionale per le donne.
  • Misure a favore della formazione e del perfezionamento professionale
  • Diritti di partecipazione regolamentati nell'azienda
  • Obbligo d’informazione nei confronti della rappresentanza del personale riguardo ai posti di lavoro, informazione tempestiva, negoziazione di un piano sociale, trasmissione di nozioni basilari di economia aziendale.
  • Procedura in caso di divergenze d'opinione
  • Partenariato fidato e stabile tra dipendenti e datori di lavoro
  • Misure per il mantenimento dei posti di lavoro, elaborazione d’alternative.
  • Base per i rapporti tra le parti sociali a livello d’azienda e d’associazione
  • Condizioni quadro chiare ed economicamente razionali per tutte le parti contraenti.
  • Solida base per lo sviluppo del settore


Senza il CCL

  • Mercanteggiare per ottenere vantaggi individuali
  • Conflitti di lavoro
  • Nessuna condizione quadro stabile per l'economia
  • Ambiente politico-sociale insicuro
  • Protezione sociale minima

Per quanto tempo è valido il CCL?

La «Convenzione dell'industria metalmeccanica» (CCL) è valida per un periodo di cinque anni.Il CCL attuale è valido dal 1° luglio 2018 al 30 giugno 2023.

Il CCL viene periodicamente rinegoziato dalle parti contraenti ed adeguato ai cambiamenti sopravenuti.

Come vengono finanziate le prestazioni comuni?

A tutti i/le dipendenti viene dedotto ogni mese un contributo di solidarietà di Fr. 5.-.

Questo contributo viene rimborsato ai/alle dipendenti membri di una delle parti contraenti.

Attingendo al fondo dei contributi di solidarietà, partecipazione ai costi per la formazione dei Rappresentanti del personale (AAA), all’edizione del CCL e contributi per la documentazione necessaria all’informazione degli apprendisti sul CCL.

A chi si applica il CCL?

Il CCL si applica a tutte le persone occupate a tempo pieno o parziale nelle aziende associate all'ASM Associazione padronale svizzera dell'industria metalmeccanica (Swissmem). Il CCL si applica anche ai/alle dipendenti che non sono membri di una delle parti contraenti (sindacati, associazioni dei quadri o degli impiegati).

Il CCL non si applica ai/alle dipendenti di agenzie di collocamento temporaneo, agli ausiliari (fino a 3 mesi) ed ai/alle praticanti. Tuttavia per queste persone si applicano per analogia le disposizioni del CCL.

Per gli apprendisti valgono solo alcune disposizioni del CCL, tuttavia le altre disposizioni si applicano per analogia.

Chi mette in atto le disposizioni del CCL?

La messa in atto del CCL nelle aziende avviene tramite le parti sociali aziendali (direzione e rappresentanti del personale).

Procedura in caso di divergenze d'opinione?

La rappresentanza del personale e la direzione si riuniscono regolarmente per un colloquio. 
Per i problemi in sospeso si trova di solito una soluzione. A volte però possono esserci delle divergenze. Una parte importante del CCL riguarda perciò le regole da applicare in caso di divergenze d'opinione. Questo modello per la soluzione di conflitti è suddiviso in tre livelli.

Trattative in seno all'azienda
La rappresentanza del personale e la direzione discutono regolarmente problemi e le richieste d'attualità. Di solito in tali discussioni si trova una soluzione accettabile per ambo le parti.

Intervento delle associazioni
Se la rappresentanza del personale e la direzione non giungono ad un accordo è possibile far intervenire le associazioni dei dipendenti e l'ASM (Swissmem) per una mediazione (cosiddette trattative tra le parti contraenti).

Tribunale arbitrale
L'ultimo livello è costituito dal tribunale arbitrale. Esso si compone di un rappresentante dei dipendenti e di uno del datore di lavoro così come di un presidente designato di comune accordo fra le parti. La sentenza emessa dal tribunale arbitrale è inappellabile. Il tribunale arbitrale viene convocato solo raramente.

Quali sono le leggi in questione?

I dipendenti e datori di lavoro hanno diversi diritti e doveri. Questi devono essere chiaramente definiti. Questi sono:

  • Legge sul lavoro (LL)
  • Regolamento aziendale
  • Contratto collettivo di lavoro (CCL)
  • Codice delle obbligazioni (CO)
  • Legge sulla partecipazione

Quali sono i principi fondamentali del diritto del lavoro?

Diritto privatoDiritto del lavoro collettivoDiritto pubblico
Codice delle obbligazioni Contratto collettivo di lavoro (CCL)Legge sul lavoro (LL)
Senza querelante non c’è bisognodi un giudiceApplicazione per via delle associazioni o attraverso l’interessatoApplicazione d'ufficio

 

 

Che cosa e regolato nel Codice delle obbligazioni (CO)?

Nel codice delle obbligazioni vengono stabilite le disposizioni generali del diritto del lavoro. Queste norme minime di legge valgono per tutte le aziende.

Che cosa e regolato nel Legge sul lavoro (LL)?

La legge sul lavoro e le relative ordinanze regolamentano la protezione dei/delle dipendenti, ad esempio fissando la durata massima del lavoro.

Che cosa e regolato nella legge sulla partecipazione (LPart)?

La legge sulla partecipazione contiene disposizioni sul diritto d'informazione e di consultazione delle lavoratrici e dei lavoratori nelle aziende.

Nell'industria MEM, il CCL è una parte importante del contratto di lavoro. Nel prossimo capitolo apprenderà di più circa il contenuto ed i vantaggi del CCL.

Che cosa e regolato nel Contratto collettivo di lavoro (CCL)?

Il CCL stabilisce le disposizioni generali per il settore. Il CCL dell'industria metalmeccanica ed elettrica (industria MEM) viene denominato anche «Convenzione dell'industria MEM».

Nel CCL molte disposizioni sono regolamentate in modo più vantaggioso rispetto alle condizioni legali. Se il CCL non prevede alcuna regolamentazione per un determinato punto, valgono le disposizioni di legge (LL, CO, LPart).

Partecipazione nell'azienda
Le rappresentanze del personale nelle aziende hanno diritti di partecipazione ampliati che si basano su quattro livelli: informazione, consultazione, codecisione e autogestione.

Orario di lavoro
La durata del lavoro annuale è fissata come orario annuale di lavoro a 2080 = 52 x 40 ore. Con il conto capitale tempo di lunga durata le ore straordinarie possono ad esempio essere accumulate per un congedo di lunga durata.

Tutti i dipendenti hanno diritto ad almeno 5 settimane di vacanza ed in più a 9 giorni festivi pagati.

Incidente, malattia = Sicurezza materiale e sociale
La durata del pagamento del salario in caso d'incidente o malattia dipende dalla durata del rapporto di lavoro, ma è di almeno un mese al 100% in caso d'incidente o malattia.

Vacanze
Generosa regolamentazione delle vacanze per tutte le fasce d'età, apprendisti d'ogni età hanno nel 1° anno d'apprendistato 7 settimane di vacanze, nel 2° anno d'apprendistato 6 settimane e nel 3° e 4° anno d'apprendistato 5 settimane di vacanze. Giovani fino al compimento del 17° anno d'età approfittano di 7 settimane di vacanze, dopo il compimento del 17° anno d'età di 6 settimane e dopo il compimento del 18° anno d'età di 5 settimane di vacanze.

Scuola reclute
Celibi e nubili senza obblighi di assistenza ricevono secondo il CCL nell'industria MEM durante la scuola reclute il 65% del loro salario; coniugati, celibi e nubili con obblighi di assistenza l'80%. Anche le indennità durante le altre forme di servizio militare sono chiaramente regolamentate.

Maternità/Paternità
Trattato pionieristico! Nell'industria MEM l'assicurazione di maternità venne introdotta già molto prima del SI a livello federale. Le dipendenti hanno secondo il CCL diritto ad un congedo di maternità di 16 settimane con pieno salario. Il congedo di maternità non implica alcuna riduzione delle vacanze.

Ai padri è concesso un congedo paternità pagato di 5 giorni. Si raccomanda inoltre alle aziende di concedere, se richiesto, un congedo paternità non pagato della durata fino a 4 settimane

Perfezionamento
Perfezionamento professionale generoso, formazione e perfezionamento professionale vengono promossi e sostenuti attraverso il CCL. Si raccomanda alle aziende di mettere a disposizione per ogni posto a tempo pieno almeno 3 giorni all'anno per il perfezionamento professionale.

Collaborazione
La collaborazione tra dipendenti e datori di lavoro così come tra le loro organizzazioni si basa sulla pace del lavoro, come anche sulla fedeltà e la fiducia. Per discutere temi attuali vengono formati gruppi di lavoro comuni. In caso di divergenze di opinione si applica la procedura per la soluzione dei conflitti.

Cosa è regolato nel regolamento aziendale?

Molte imprese hanno regolamenti aziendali propri, in cui è stabilita la concretizzazione delle disposizioni nelle rispettive aziende, per esempio l'organizzazione dell'orario di lavoro.

 

Cosa è regolato nel contratto di lavoro?

Nel contratto di lavoro individuale sono normalmente regolamentati i seguenti punti:

  • Parti contraenti
  • Data d’inizio dell'impiego
  • Funzione / mansioni
  • Salario
  • Periodo di prova e termine di disdetta